Ecco il nuovo monovitigno firmato Tenuta Argentiera

Argomenti correlati: , , , , ,

 

 

Giorgio Bartholomäus è un Merlot in purezza di altissimo livello, uno dei pochissimi e preziosi monovitigni della zona, prodotto in una limitata selezione di bottiglie e solo nelle annate idonee alla sua eccezionale qualità. Questo nuovo importante vino, verrà presentato per la prima volta assoluta a novembre, con l’annata 2006.

Giorgio Bartholomäus è frutto di un’accurata scelta di sole uve Merlot che crescono su un altopiano a 200 m.s.l.m. e che nell’annata 2006 hanno sviluppato eccezionali caratteristiche di maturazione. Dopo una lenta fermentazione di trenta giorni ad una temperatura controllata di circa 28/30°, il vino è stato trasferito in barriques di rovere francese (Allier e Troncais) dove è stato iniziato un affinamento di 24 mesi ultimato successivamente in bottiglia per ulteriori 12 mesi.

L’eccezionale invecchiamento e le straordinarie caratteristiche organolettiche, hanno dato vita ad un vino elegante e di “grande personalità”, un raro prodotto di un territorio che come pochi sa offrire vini di altissima qualità e spessore.

La magica poesia che accompagna ogni frutto del lavoro dell’uomo con la terra, si accompagna qui ad una storia familiare ricca di fascino. Giorgio Bartholomäus è infatti dedicato ad un nuovo componente della famiglia, nato proprio nel 2006 e del quale il vino porta il nome, Giorgio Bartholomäus appunto, primo nipote di Corrado Fratini che, grande appassionato di Merlot, ha voluto realizzare questo vino come importante espressione del territorio e del proprio amore per la famiglia.

Un luogo unico e magico, quello dove sorge Tenuta Argentiera, che ancora una volta ha saputo regalare un prodotto dagli eccezionali standard qualitativi, che si aggiunge ai tre rinomati vini DOC Bolgheri, Argentiera, Villa Donoratico e Poggio ai Ginepri, già noti per gli importanti riconoscimenti ricevuti da esperti enologi e sommelier di fama internazionale. Il sole, il colore, gli odori e il terroir unico dell’Alta Maremma hanno creato ancora una volta un vino unico, emozionante come la sua storia.

La Tenuta Argentiera

Immersa nella meravigliosa campagna dell’Alta Maremma, sulle splendide colline che dominano la Costa degli Etruschi, sorge la Tenuta Argentiera, una meta imperdibile per tutti gli appassionati di enologia e per gli amanti degli autentici paesaggi toscani. La posizione geografica, a pochi chilometri dai borghi medievali di Populonia e Bolgheri, nelle immediate vicinanze dell’esclusivo centro termale del Tombolo e a pochi passi dalle coste incontaminate del Golfo Baratti, rendono la Tenuta Argentiera un luogo straordinario, un posto unico al mondo immerso in un territorio dall’altissimo valore storico e naturalistico, da cui si può godere un panorama che, in un solo sguardo, abbraccia l’Isola d’Elba, la Capraia e la Gorgona e, sullo sfondo, la Corsica.

La Tenuta Argentiera, di proprietà di Corrado e Marcello Fratini, grazie ai suoi vigneti, che coprono oltre 60 dei 72 ettari complessivi e che cadono sotto la denominazione di DOC Bolgheri, coltivati a Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Syrah e Petit Verdot, produce quattro grandi vini rossi, Argentiera, Villa Donoratico, Poggio Ai Ginepri, tra i migliori del luogo, vincitori ogni anno dei più prestigiosi premi e riconoscimenti e sempre più apprezzati da esperti enologi e sommelier, e l’ultimo nato Giorgio Bartholomäus, un merlot in purezza prodotto in una limitata selezione di bottiglie e solo nelle annate idonee alla sua eccezionale qualità, che farà il suo debutto a novembre con l’annata 2006.

La Tenuta non produce solo vini di qualità, ma anche un pregiato olio extra vergine d’oliva, Villa Donoratico, realizzato con varietà di olive tipiche della zona.

Tenuta Argentiera mette a disposizione dei suoi visitatori e dei suoi clienti un esclusivo Wine Club, una raffinata Enoteca ed eleganti Sale Degustazione, in una struttura immersa nel verde, un paesaggio tra i più suggestivi della regione, che vede una lussureggiante macchia mediterranea alternarsi a oliveti e cipressi. Le visite alle splendide Cantine realizzate nello stile architettonico tradizionale locale, e i tour eno-gastronomici organizzati appositamente per turisti e appassionati, permettono di entrare in una realtà unica e di vivere un’esperienza di grande fascino e di antica tradizione. La tenuta rappresenta quindi una meta turistica imperdibile, un tappa fondamentale da inserire assolutamente in qualsiasi percorso o tour che tocchi l’Alta Maremma.

9 dicembre 2009



Articoli di IN BOTTIGLIA

Fotogallery

sss Fotogallery