Rialzo dei marcatori tumorali

26 marzo 2012
Buongiorno,mi chiamo Alessandro.Mia madre 10 anni fa è stata operata per un nodulo al seno(carcinoma con metestasi),sottoposta a radioterapia e guarita.Nel 2008 sottoponendosi ad esami si è ripresentato lo stesso problema,sottoposta ad intervento le hanno asporatato parte del seno,ha distanza di mesi si è scoperto che aveva anche un cancro all'utero anch'esso asportato.Sottoposta ad una lunga seduta di chemio i valori si sono per fortuna ristabiliti e dei mali più nessuna traccia, fino al 20 3 20012 quando dai risultati delle analisi si è riscontrato un innalzamento dei marcatori fino a 100 i quali valori erano in perfetto stato fino al precedente gennaio.
Preciso che fino a qualche giorno prima delle analisi ha assunto medicinali per un dolore al fianco e medicinali in quanto gli hanno asportato un dente,è possibile che i valori si siano alterati a cause si queste medicine e a causa di questo dolore al fianco quasi sicuramente dovuto ad un infiammazione dato che non urina più come dovrebbe.
Grazie.

Caro Alessandro,

il rialzo dei marcatori tumorali può avvenire per molteplici fattori, tuttavia il più plausibile resta la ripresa della malattia.
Non trascurerei questo dato ed approfondirei effettuando ulteriori accertamenti, come ad esempio la TAC/PET senza mezzo di contrasto.
Il risultato di tale esame potrà essere discusso con l’Oncologo di riferimento
Solo qualora gli esami diagnostici programmati dovessero risultare nella norma sarebbe legittimo ipotizzare altre cause, non oncologiche, a giustificazione del rialzo del marcatore tumorale,
Cordialmente

Massimiliano D’Aiuto
Progetto realizzato in collaborazione con IGEA S.p.A.