Infiammazione del ginocchio: antinfiammatori e esercizi di riforzo muscolare

19 ottobre 2012
Gentilissimo Professore,

volevo chiederle delucidazioni riguardanti il referto di mio padre relativamente ad una RMN del ginocchio sinistro, effettuata di recente.
Lui, 65 enne, da oltre 30 anni si dedica costantemente a maratone e gare podistiche, ma da qualche mese accusa dolori al ginocchio, con versamento e gonfiore.
In particolare dalla RMN si evince che è presente:
..." irregolarità morfostrutturale del menisco interno a livello del corpo e del corno posteriore con presenza a tali livelli di fenomeni di slaminamento obliquo con interruzione parcellare sia del versante articolare femorale che del bordo libero della struttura meniscale associato ad involuzione cistica della struttura meniscale stessa.
In sede perimeniscale posteromerale è presente impegno reattivo a carattere infiammatorio.
Sovvertimento strutturale del menisco a livello del corpo e del corno ant. come per meniscosi con iniziale fissurazione orizzontale della struttura meniscale.
Nella norma le strutture legamentose del pivot centrale.
Non si apprezzano significative alterazioni traumatiche recenti a carico delle restanti formazioni capsulo legamentose esaminate.
Rotula in asse, disomogeneità delle contrapposte superfici articolari femoro- patellari per condropatia di medio- alto grado.
Impegno reattivo sinoviale diffuso con discreta quota di versamento nei recessi superiori.
Distensione fluida della borsa gastro- semimembranoso.
Tendinosi inserzionale distale del tendine del quadricipite e prossimale del rotuleo."

Mi sembra una situazione complessa; nonostante ciò mio padre continua ad essere iperattivo ed è restio a fare controlli medici.
Per questo chiedo cortesemente un suo parere in merito. Grazie per la pazienza e la gentilezza.
Cordiali saluti.
Susanna

Gentile signora Susanna,

il dolore è dovuto al processo infiammatorio in atto frutto di una serie di microtraumi dovuti alla attività fisica costante. Le consiglio di proporre a suo padre un periodo di ridotta attività fisica e di iniziare un percorso di riabilitazione funzionale personalizzato cominciando a caricare in modo graduale e progressivo. Serviranno esercizi di rinforzo muscolare, lavoro per potenziare il quadricipite a ginocchio esteso, lavoro in acqua.

In questa fase per il dolore le consiglio qualche antinfiammatorio, oppure se suo padre è restio ad assumere farmaci, un ciclo di stimolazione biofisica articolare, meno invasiva.

Per un recupero completo occorre tempo, mediamente 2 o 3 mesi.

Cordiali saluti,

M. Berruto

Progetto realizzato in collaborazione con IGEA S.p.A.